• Italiano
  • English
  • EN/IT
    ONGOING PROJECTS
    TB Conversations
    [=== TB == Conversations ===]
    VAI AL PROGETTO

    A cura di Claudia Santeroni



        [== LINK ==]

    Conversations è un progetto trasversale che coinvolge residenza d’artista, interviste, pubblicazioni e fotografia per raccontare l’arte contemporanea in una chiave spontanea e accessibile. Nel 2014 tre artisti under 35 sono stati invitati a trascorrere un breve periodo nella Residenza dell’associazione The Blank. Per ogni appuntamento sarà edito un mini-catalogo, disponibile presso la Residenza di The Blank e i membri aderenti al network. Con The Blank Conversations si raccontano storie (stra)ordinarie, per riavvicinare le persone all’arte e alla creatività.

    TB Educational
    [=== TB = Educational =]

    The Blank Educational è un progetto rivolto agli studenti delle scuole secondarie di II grado e nasce dal desiderio di diffondere la conoscenza e la passione per l’arte contemporanea. Il programma prevede un’introduzione ai linguaggi del contemporaneo, talk e workshop con artisti, studio visit e visite guidate alle mostre temporanee.

    Con il contributo di Fondazione Credito Bergamasco e Regione Lombardia.
    In partnership con la Provincia Bergamo.

    TB Hospitality
    [== TB == Hospitality ===]
    VAI AL PROGETTO

    In partnership con

    logo_thatscontemporary_magenta1

    Con il contributo di

    cariplo

    Nell’ambito del progetto

    unnamed



        [== LINK ==]

    The Blank offre a tutti gli appassionati d’arte, creativi e operatori culturali, la possibilità di vivere un soggiorno particolare a Bergamo, con un servizio di ospitalità nella residenza di The Blank, in Via G. Quarenghi 50, a due minuti dalla stazione dei treni e dalla centralissima via XX Settembre.
    The Blank è un’Associazione culturale, composta da persone che si occupano di arte contemporanea e, su richiesta, è in grado di mettere a disposizione operatori, curatori e artisti per scoprire la città come mai prima d’ora. Un team specializzato sarà a disposizione per disegnare il miglior percorso in base agli interessi culturali di ognuno.

    The Blank Hospitality è parte del progetto Art in Network, realizzato in partnership con l’associazione That’s Contamporary e sviluppato nell’ambito del progetto fUNDER35 di Fondazione Cariplo.

    Per informazioni
    info@theblankresidency.it

    WHAT'S ON
    FRANCO VACCARI
    NEWSLETTER MARZO 2017
    FRANCO VACCARI
        [== LINK ==]

    FRANCO VACCARI, ESPOSIZIONE IN TEMPO REALE N.45, 2017
    Courtesy the artist and P420 Gallery, Bologna

    FRANCO VACCARI, PROVVISTA DI RICORDI PER IL TEMPO DELL’ALZHEIMER, 2003, DIGITAL FILM FROM VHS, 21’57’’
    Courtesy the artist and P420 Gallery, Bologna

    Quando sono andato a visitare il posto mi sono trovato di fronte ad una costruzione massiccia perfettamente conservata, con un vasto ambiente nella parte rialzata che una volta fungeva da camerata per i soldati di guardia della Città. Ho pensato subito di ricreare una situazione analoga dove, al posto dei soldati, andassero a passare la notte non solo i valorosi visitatori di mostre sempre alla scoperta di nuove esperienze, ma anche il variegato popolo dei curiosi che rappresenta la versione attuale dei picari, dei pitocchi, dei cantastorie, dei frati mendicanti del ‘600.

    Franco Vaccari

    POESIA VISIVA - OMAGGIO A MARIO RONDI
    VIAMORONISEDICI SPAZIOARTE
    POESIA VISIVA - OMAGGIO A MARIO RONDI
    18.03.17 - 08.04.17

    Opening: sabato 18 marzo, h. 18.00

    martedì – sabato: 16.00 – 19.30

    Via Moroni, 16 24121 Bergamo
    tel. +39 347 2415297
    info@viamoronisedici.it
    www.viamoronisedici.it



        [== LINK ==]

    a cura di Stefania Burnelli

    Autore poliedrico e infaticabile, Mario Rondi ha al suo attivo fenomenali peregrinazioni letterarie dalla poesia al poema alla filastrocca, dalla prosa magica alla fiaba. La sua scrittura, che oscilla tra la memoria delle tradizioni e del territorio in cui è cresciuto e le personalissime invenzioni della sua fantasia, è attraversata da una “vena di umorismo dolceamaro” e rappresenta “un riuscito esempio di drammatizzazione dei nonsensi della vita moderna”, come gli ha riconosciuto la giuria del premio “I Murazzi” di Torino nel 2015.
    Non nuovo a collaborazioni con le arti visive, una per tutte l’organizzazione nel luglio 2013 dell’evento “Libro d’artista” all’Ex Ateneo di Bergamo, Mario Rondi presenta in Viamoronisedici/spazioarte suoi lavori recenti di poesia visiva, realizzati su carta, su stoffa, su lastre trasparenti di plexiglass.
    Si tratta di raffinate contaminazioni verbo-visive fondate sulla ricchezza semantica della parola poetica e sulla valenza emozionale del colore e delle superfici scrittorie: fitti collage di carte, scampoli di stoffe, trasparenze in metacrilato.
    Dall’“ut pictura poiesis” di Orazio, venti secoli sono trascorsi e la discussione è ancora aperta sul rapporto specifico tra poesia ed arti visive. Dai carmi figurati del greco Teocrito, ai calligrammi di Apollinaire definiti dallo stesso loro autore “la via più breve per costringere l’occhio a una visione globale della parola scritta”, agli esperimenti di Mallarmé di collocazione rigorosamente spaziale di parole su superfici bianche, alle tavole “parolibere” dei futuristi, ai collage e alle installazioni verbali dei Fluxartisti negli anni Sessanta, ai dipinti concettuali degli inglesi “Art and language”, alle frontiere della poesia elettronica e della computer poetry che integra testo poetico e arte dei nuovi media: la dialettica poesia-pittura, evidentemente, è tutt’altro che esaurita. Anzi, continua a seguire strade multiple, per nulla a senso unico, tuttora vitali e aperte, perché si fonda su un gioco di linguaggio, quindi di pensiero, che parte dalla parola – la quale è la matrice stessa delle idee.
    Nel solco di queste ricerche, le opere di poesia visiva di Mario Rondi – esplorando con vena inesausta gli ambigui territori che si aprono tra significante e significato – inseguono la magia del linguaggio tra avventurosi fonosimbolismi delle parole e imprevedibili riflessi della tridimensione.

    Stefania Burnelli

    DROPS - ZËZAR BAHAMONTE
    PIGMENTI - BERGAMO JAZZ FESTIVAL
    DROPS - ZËZAR BAHAMONTE
    09.03.17 - 19.03.17

    L’intervento su muro sarà realizzato dal 9 al 18 marzo 2017.
    Il concerto con live painting sarà il 19 marzo 2017.

    Maggiori informazione:
    Davide.pansera@hotmail.it
    tel. +39 3333378828

     



        [== LINK ==]

    Cooperativa Sociale Patronato San Vincenzo, di cui il progetto Pigmenti fa parte, ha in corso con il Comune di Bergamo un progetto artistico che prevede 3 azioni di arte pubblica in 3 anni legate a 3 istituzioni culturali del territorio.
    L’idea per il 2017, in accordo con l’Assessore alla Cultura del Comune di Bergamo Nadia Ghisalberti, con il Direttore del Teatro Donizetti Massimo Boffelli e con il Responsabile Servizio Giovani, Sport e Tempo Libero Renato Magni, è di legare l’azione al festival Bergamo Jazz.

    Nel 2015 abbiamo messo in campo la medesima operazione in occasione della riapertura dell’Accademia Carrara e abbiamo realizzato un’opera dell’artista argentino Francisco Bosoletti presso la stazione autolinee di Bergamo.
    Per il 2016 abbiamo attivato una collaborazione con la Fondazione Donizetti e realizzeremo un’opera murale a cura dell’artista portoghese Frederico Draw. Al termine del lavoro verrà organizzato in loco un evento conclusivo di presentazione dell’opera alla città e parteciperemo attivamente alla costruzione della giornata del 29 novembre 2016, anniversario della nascita di Donizetti.

    Per il 2017 verrà coinvolto l’artista Zesar Bahamonte che realizzerà un’opera su muro in città.
    Si organizzerà, inoltre, un evento tra musica e arte coinvolgendo il jazzista Tino Tracanna e altri giovani musicisti bergamaschi per un concerto con live painting. Il concerto avrà luogo durante la giornata di apertura di Bergamo Jazz che coincide con quella di chiusura di Bergamo Film Meeting il 19 marzo 2017. L’obiettivo dell’intero percorso è avvicinare un pubblico giovane a diverse forme d’arte e l’incrocio di pubblico tra BFM e Festival Jazz è ideale per noi.
    Zëzar Bahamonte, artista spagnolo di 30 anni riconosciuto nel panorama internazionale, realizzerà un murale in città dedicato al Festival Bergamo Jazz, sarà protagonista di un live painting e produrrà due grafiche originali per il Festival.
    Dal 13 marzo 2017 l’artista realizzerà una sua opera di grandi dimensioni su un muro cittadino mentre il 19 marzo, in occasione dell’ultima giornata di Bergamo Film Meeting che, come da tradizione degli ultimi anni, inaugura il Festival Bergamo Jazz, Pigmenti organizza, in collaborazione con i due festival, un concerto di “Drops”, formazione composta da Tino Tracanna, Walter “Bonnot” Buonanno e Roberto Cecchetto ai quali si aggiungono per l’occasione due giovani musicisti del territorio: Awa Fall e Andrea Baronchelli. Durante l’esibizione l’artista realizzerà un live painting di 4 metri per 2 ispirato al jazz sperimentale proposto dal gruppo.
    Le due grafiche originali prodotte dall’artista verranno utilizzate rispettivamente all’interno del libretto di presentazione del programma del Festival e come immagine per il merchandising atto a supportare Bergamo Jazz.
    Bahamonte chiude la trilogia di interventi di Pigmenti dedicati a istituzioni culturali del territorio.

    OPERE VIDEO - FRANCO VACCARI
    THE BLANK AT BERGAMO FILM MEETING
    OPERE VIDEO - FRANCO VACCARI
    11.03.17

    Cinema San Marco – Piazzale della Repubblica, 2
    Proiezione con introduzione dell’artista: 11 marzo – ore 16.00
    INGRESSO LIBERO

    Per informazioni:
    tel. + 39 035 19903477
    associazione@theblank.it



        [== LINK ==]

    The Blank, in occasione della 35a edizione di Bergamo Film Meeting, organizza una retrospettiva dedicata alle opere video di Franco Vaccari.

    Sabato 11 marzo, presso il Cinema San Marco, verrà presenterà una selezione delle opere video dell’artista. Franco Vaccari introdurrà personalmente i propri lavori in un incontro aperto al pubblico.
    L’ingresso è gratuito.

    La retrospettiva partirà da Nei Sotterranei (1966-67), dove le immagini di pareti di bagni e scantinati cosparsi di graffiti assumono il significato di poesia anonima e trovano un corrispettivo filmico nelle sperimentazioni degli esordi dell’artista con la poesia visiva, per passare a Cani Lenti (1971), video accompagnato da un sonoro tratto da una canzone dei Pink Floyd, in cui l’atto di seguire e riprendere alcuni cani randagi evidenzia le differenti reazioni degli animali a contatto con la telecamera, dimostrando come l’osservazione perturbi il soggetto. La via Emilia è un aeroporto (2000) offrirà invece uno spaccato di vita degli abitanti della Via Emilia: dalle case di persone intente a guardare la tv, Vaccari passerà a interagire con le prostitute del posto, per poi soffermarsi sulle immagini di modellini di aeroplani installati lungo la via che alludono alla voglia di evasione degli abitanti. A chiudere la rassegna, Provvista di ricordi per il tempo dell’Alzheimer (2003) dove l’artista, immaginandosi affetto da Alzheimer, attinge da fotografie personali per realizzare il video dei ricordi che perderebbe per ultimi.

    L’evento è realizzato con il supporto della galleria P420 (Bologna).

    ESPOSIZIONE IN TEMPO REALE N. 45 - FRANCO VACCARI
    THE BLANK AT BERGAMO FILM MEETING
    ESPOSIZIONE IN TEMPO REALE N. 45 - FRANCO VACCARI
    10.03.17 - 19.03.17

    Sala alla Porta Sant’Agostino – Via della Fara
    Opening alla presenza dell’artista: 10 marzo – h. 18.00
    Apertura notturna straordinaria di Porta Sant’Agostino su prenotazione: associazione@theblank.it (max 20 partecipanti)

    Orari: martedì – venerdì: 15.30 – 19.30
    sabato – domenica: 11.00 – 19.30

    Per informazioni:
    tel. + 39 035 19903477



        [== LINK ==]

    The Blank, in occasione della 35a edizione di Bergamo Film Meeting, presenta un appuntamento dedicato a Franco Vaccari: Esposizione in tempo reale N. 45.

    Venerdì 10 marzo, l’artista omaggerà la città di Bergamo allestendo l’inedita video installazione ambientale Esposizione in tempo reale N.45 presso la Sala alla Porta Sant’Agostino e collocando all’esterno dello spazio Il Mendicante Elettronico.
    Per Esposizione in tempo reale N.45, Franco Vaccari ha invitato alcuni artisti di Bergamo a creare delle sculture-giaciglio davanti alla proiezione del suo video Buona Notte, rifugi in cui riposare e sognare.
    Gli artisti coinvolti nella realizzazione dei giacigli sono: Davide Allieri, Cinzia Benigni, Filippo Berta, DZT collective, Oscar Giaconia, Daniele Maffeis, Andrea Mastrovito, Giovanni Oberti, Francesco Pedrini, Maria Francesca Tassi.

    In occasione dell’inaugurazione presso Porta Sant’Agostino, lo spazio verrà animato ospitando il riposo degli artisti, di alcuni operatori culturali e di coloro che desidereranno partecipare, trattenendosi alla Porta per l’intera nottata.

    L’evento è realizzato con il supporto della galleria P420 (Bologna).

    35a EDIZIONE BERGAMO FILM MEETING International Film Festival
    BERGAMO FILM MEETING
    35a EDIZIONE BERGAMO FILM MEETING International Film Festival
    11.03.17 - 19.03.17

    Per maggiori informazioni
    www.bergamofilmmeeting.it



        [== LINK ==]

    Prende corpo la 35a edizione di Bergamo Film Meeting, che si svolgerà dall’11 al 19 marzo 2017: alla già annunciata
    retrospettiva dedicata al pluripremiato regista ceco Miloš Forman si affiancheranno le giovani promesse del cinema
    contemporaneo. Sostenuto anche nel 2017 dall’Unione Europea grazie al sottoprogramma MEDIA di Europa Creativa, il Festival riserverà infatti uno sguardo particolare al cinema del nostro continente, non solo attraverso le novità della Mostra Concorso e dei film documentari, ma anche con la sezione “Europe, Now!”, che proporrà le personali complete di tre registi emergenti – il greco Thanos Anastopoulos, la francese Dominique Cabrera e l’islandese Dagur Kári – e con il consueto approfondimento sul cinema d’animazione, quest’anno riservato all’autrice estone Chintis Lundgren.
    9 giorni di proiezioni, più di 150 film, tra corti, medi e lunghi, provenienti da tutto il mondo formeranno la proposta del prossimo Bergamo Film Meeting, arricchito dalla presenza di numerosi ospiti internazionali, dagli incontri con gli autori, dagli eventi speciali, dalle anteprime, oltre che da un percorso di visione dedicato alle scuole e agli spettatori più giovani. Grazie a un network di collaborazioni ormai consolidate con numerose realtà del territorio, il Festival non mancherà di mescolare il cinema con l’arte, la letteratura, la musica e i fumetti, per continuare a divertire, appassionare e stupire.
    La 35a edizione di Bergamo Film Meeting si aprirà ufficialmente venerdì 10 marzo presso il Teatro Donizetti: alle ore 21.00 sarà proiettata la versione integrale di 180′ del film Amadeus – Director’s Cut, anticipata alle ore 20.00 dall’inaugurazione della mostra Miloš Forman, la ribellione e lo sfarzo. Costumi da Oscar di Theodor Pištkěche porterà a Bergamo i preziosi costumi originali dei film Amadeus e Valmont, realizzati dal premio Oscar Theodor Pištkě.

    PAESAGGI DI TEXTURE
    ALT – ARTE CONTEMPORANEA
    PAESAGGI DI TEXTURE
    18.03.17

    Orario: 16.00
    Prenotazione obbligatoria: info@altartecontemporanea.it
    Costi: TESSERATI € 8 / NON TESSERATI: € 12

    Via Gerolamo Acerbis 12
    24022 Alzano Lombardo (BG)
    tel. +39 334 9233010



        [== LINK ==]

    Laboratorio didattico e merenda: Paesaggi di texture
    Dedicato ai bambini di età compresa fra i 4 e gli 11 anni, il laboratorio porta alla scoperta della tecniche surrealiste come il frottage ed l’assemblage per realizzare nuovi paesaggi contemporanei.

    SCULTURA, SCULTORI, SCULTURE
    STUDIO VANNA CASATI
    SCULTURA, SCULTORI, SCULTURE
    11.03.17 - 05.04.17

    Opening: sabato 11 marzo, h. 18.00 – 20.00
    lunedì – sabato:  16.30 – 19.30
    martedì chiuso

    Via Borgo Palazzo, 42
    Bergamo       



        [== LINK ==]

    Autori in mostra: Autori in mostra: Benevelli, Consagra, Di Muzio, Spagnulo, Staccioli
    Si tratta di una generazione di artisti appartenenti ad una stagione della scultura astratta italiana dagli anni 50 sino ai giorni nostri, con una lettura classica dell’operare sia nei temi sia nell’uso dei materiali canonici della tradizione plastica.

    EVENTI MARZO
    GAMEC – GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
    EVENTI MARZO
    05.03.17 - 23.03.17

    INFO E PRENOTAZIONI
    tel. +39 035 235345
    visiteguidate@gamec.it



        [== LINK ==]

    Visite guidate e laboratori

    * Domenica 5 marzo, ore 15:30
    Visita guidata adulti + laboratorio per bambini

    * Sabato 25 marzo, ore 11:00
    Visita guidata adulti

    COSTI
    Bambini: ingresso e 4,00; laboratorio gratuito
    Adulti: ingresso + visita guidata: € 10,00
    Prenotazione obbligatoria. Minimo 13 iscritti

    ART BREAK
    Laboratori infrasettimanali per bambini dai 5 agli 11 anni

    * 9 marzo, dalle 16:30 alle 18:30
    NON È UN DETTAGLIO!
    a cura di Laura Di Bella, Educatrice GAMeC

    Un percorso tra le opere di Mario Cresci e gli spazi del museo, a caccia di dettagli da immortalare con il proprio smartphone o la macchina fotografica per creare un reportage dedicato alla GAMeC. È richiesto un cellulare con fotocamera o una macchina fotografica.

    * 16 – 25 marzo
    MEET WITH THE ARTIST

    Un grande artista, un grande fotografo, una grande mostra: questi gli ingredienti di “MEET THE ARTIST”, un’occasione imperdibile per confrontarsi con uno dei protagonisti del contesto della fotografia italiana.
    Mario Cresci ha sempre fatto del dialogo e del confronto le cifre stilistiche della sua poetica, e per questo ha risposto con entusiasmo al nostro invito a rendersi disponibile per incontrare non solo chi, tra il nostro pubblico, vuole fare la sua conoscenza e porgli domande, ma soprattutto chi, desideroso di farsi strada nel mondo della fotografia, vuole consigli, pareri che – come è abitudine dell’artista – saranno sempre improntati a franchezza e cordialità.

    * 23 marzo, dalle 16:30 alle 18:30
    TRA LE PIEGHE DELL’ARTE
    a cura di Sabrina Tomasoni, Educatrice GAMeC

    Sapete che Mario Cresci si diverte a creare opere d’arte ispirandosi a quadri già esistenti e facendoli propri, modificandoli? Anche noi ci proveremo e un quadro della Collezione Permanente della GAMeC tra le nostre mani si trasformerà in un libro di stampe strampalate. Partendo da semplici pieghe del foglio modificheremo e cambieremo le immagini per ottenere lavori sempre nuovi, nascondendo dettagli e aggiungendone di nuovi, con colori e fantasia.

    Costi: € 10,00 a laboratorio
    Percorso a numero chiuso (min. 10 – max. 18)
    Termine iscrizioni: entro il sabato antecedente

    Conferenze

    * Giovedì 9 marzo, ore 20:00
    MARIO CRESCI, ENRICO DE PASCALE e MARCO SENALDI
    ArtCrossing. Percorsi incrociati

    La produzione di Mario Cresci, qui in dialogo con Enrico De Pascale e Marco Senaldi, viene analizzata nelle sue molteplici intersezioni con il mondo delle immagini, in particolare con quelle provenienti dalla Storia dell’Arte, passata e recente. Punto di partenza di questo viaggio immaginifico è la visionaria e spettacolare installazione Ipsa ruina docet allestita nello Spazio Zero della GAMeC con i calchi della Gipsoteca dell’Accademia Carrara.

    * Giovedì 23 marzo, ore 20:00
    MARIO CRESCI, MARCO ROMANELLI e ROBERTA VALTORTA
    L’opera di Mario Cresci come ipertesto

    L’opera di Mario Cresci presenta, sin dagli esordi, caratteri di transdisciplinarietà, dalla fotografia al graphic design, dal disegno all’installazione, al video. L’artista non passa solamente da un medium all’altro, ma compie anche continui percorsi dal presente al passato, offrendo le sue immagini a molte interpretazioni successive, cosciente del fatto che in arte non vale la certezza, ma il dubbio. A partire da questo, viene proposta un’analisi dell’opera di Cresci come “ipertesto”, pronto a essere attivato attraverso opportune parole chiave, ovvero le forme e i temi preferiti dall’artista.

    GAMeC, Spazio ParolaImmagine
    Ingresso gratuito
    Prenotazione obbligatoria su gamec.it – sezione Eventi

    EVENTI

    * 8 marzo, dalle 10:00 alle 19:00
    GAMeC PER LA FESTA DELLA DONNA

    Nella giornata a loro dedicata, la GAMeC invita le donne a scoprire il lato nascosto del proprio carattere attraverso il percorso autonomo Che quadro sei?, all’interno delle sale della grande mostra dedicata a Mario Cresci. Basterà scegliere l’opera da cui vi sentite rappresentate o attratte, o con la quale vi sembra di avere un particolare e misterioso legame, per ricevere via e-mail il profilo che svelerà aspetti curiosi di entrambe.
    Il percorso, inoltre, prosegue tra i capolavori della Collezione Permanente del museo, per tutti i visitatori!

    Ingresso gratuito per le donne, che riceveranno in omaggio un catalogo delle mostre GAMeC.

    * 19 marzo, dalle 10:00 alle 19:00
    FESTA DEL PAPÀ ALLA GAMeC

    In occasione della loro festa, il divertente percorso Che quadro sei? offrirà a tutti i papà un’originale occasione per essere protagonisti attivi tra le sale del museo.
    Tra quelle proposte, individuate l’opera di Mario Cresci che più vi rappresenta: riceverete via e-mail il profilo corrispondente alla vostra scelta, che svelerà un lato nascosto della vostra personalità.

    Ingresso a prezzo speciale per i papà che visiteranno il museo con i loro bambini o con tutta la famiglia, che potrà partecipare a Che quadro sei? anche nelle sale della Collezione Permanente!
    (Biglietti famiglia 1+1: € 7,50 / 2+1: € 12,00 / 2+2: € 15,00)

    GAMeC & Bergamo Film Meeting
    GAMEC E BERGAMO FILM MEETING
    GAMeC & Bergamo Film Meeting
    12.03.17 - 19.03.17

    Per maggiori informazioni su tutti gli appuntamenti: bergamofilmmeeting.it



        [== LINK ==]

    Anche quest’anno GAMeC prosegue la collaborazione con Bergamo Film Meeting, il festival cinematografico internazionale che mette a confronto le tendenze più innovative del cinema contemporaneo con gli stili, i generi e gli autori del passato.

    Domenica 12 marzo, ore 17:30
    Inaugurazione della mostra
    GLI ANNI ’90 A COLORI – LE PRIME STORIE A FUMETTI DI DAVIDE TOFFOLO, OGGI
    GAMeC, Spazio Caleidoscopio

    Tra gli autori più rappresentativi della scena fumettistica italiana, co-fondatore e voce della band Tre Allegri Ragazzi Morti, Davide Toffolo presenta un’installazione a metà strada tra fumetto, arte e musica.
    Piera degli spiriti, Fregoli e il serial Cinque allegri ragazzi morti sono le prime visioni dell’autore friulano. Una specie di diario degli anni che hanno dato inizio all’affascinante percorso di editoria indipendente nel fumetto e nella musica.
    Originali e stampe in mostra.

    Orari d’apertura: lunedì-domenica,
    ore 9:00-13:00 / 15:00-18:00. Martedì chiuso

    La mostra resterà aperta al pubblico fino al 26 marzo
    Ingresso gratuito

    Domenica 12 marzo, dalle 15:00 alle 17:30
    “PASTA!”…IMPASTANIMIAMOCI

    Workshop di cinema d’animazione condotto dall’Associazione Avisco
    GAMeC, Spazio ParolaImmagine

    Laboratorio in stop motion e pixilation che permetterà ai partecipanti di mettere le mani “in pasta” all’animazione! Una full immersion nel mondo dell’animazione a passo uno, usando come materiale la pasta di diversi formati e… tempi di cottura.

    Dai 9 ai 13 anni
    Percorso a numero chiuso (max. 20)
    Iniziativa a pagamento: € 10,00
    Prenotazione obbligatoria

    Mercoledì 15 marzo, dalle 16:00 alle 18:30
    MASTERCLASS CON CHINTIS LUNDGREN
    L’animatrice estone, classe 1981, è l’ospite a cui Bergamo Film Meeting dedica la personale nell’edizione 2017. Una carrellata di cortometraggi condurrà nel mondo surreale e fantastico che contraddistingue le sue produzioni. Durante la masterclass l’autrice presenterà i propri lavori, raccontando il dietro le quinte delle varie fasi della produzione di un cartone animato.

    Lezione in inglese, con traduzione in italiano.
    Dai 16 anni
    Iniziativa a pagamento: € 10,00
    Prenotazione obbligatoria

    Mercoledì 15 marzo, ore 17:30
    CULT MOVIE GAMeCinema / BFM
    Auditorium di Piazza della Libertà, Bergamo

    Dal 2005, e continuativamente fino al 2011, Bergamo Film Meeting ha collaborato con GAMeC alla valorizzazione del Fondo Cinematografico Nino Zucchelli all’interno del progetto GAMeCinema, presentando percorsi e retrospettive che hanno contribuito a consolidare il legame tra cinema e arte. Quest’anno il protagonista è il mondo del lavoro e la lucida disamina dei dati umani e sociali che lo circondano con Harmadik nekifutás (L’ultima rincorsa) di Péter Bacsó – 1973, Ungheria, 98’, b/n –, il terzo capitolo della cosiddetta “trilogia operaia” dopo Kitörés (1970) e Jelenidö (1971), che consacra il regista ungherese alla notorietà internazionale. Un’ulteriore riflessione sul tema della “democrazia in fabbrica”, qui declinata nella preoccupazione per la coerenza e il rispetto dei diritti individuali, testimoniando il problema della reale partecipazione alle decisioni nell’ambiente operaio di tutti i giorni.
    Il film fu presentato per la prima volta in Italia a Sanremo nel 1974 alla XVII Mostra Internazionale del Film d’Autore, dove vinse il Gran Premio ex aequo con il film georgiano Mol’ba (1968) di Tengiz Abuladze.

    Jakus, direttore di uno stabilimento, improvvisamente rassegna le proprie dimissioni per inconciliabili divergenze d’opinione con i vertici aziendali. Nonostante il disappunto di famigliari e amici, Jakus decide di ripartire da zero e torna a fare il saldatore. Gli servirà tempo e fatica per conquistare la fiducia degli altri operai e far valere i propri princìpi, perché «la ricollocazione non è un trionfo». Una critica al sistema, saldamente ancorata ai modi del realismo, che mette a nudo le contraddizioni della realtà e della storia socialiste. Basato su una storia vera.

    Ingresso a pagamento: € 7,00 (fascia pomeridiana)

    Venerdì 17 marzo, ore 18:30
    EVENTO SPECIALE GAMeCinema
    Ridotto del Teatro Donizetti, Bergamo

    La collaborazione con GAMeCinema si arricchisce quest’anno di una proiezione-evento speciale con il film Motsart i Sal’eri (Mozart e Salieri) di Vladimir Gorikker – 1962, URSS, Lettonia, 44’, b/n –, parte del Fondo Cinematografico Nino Zucchelli.

    Fedele trasposizione dell’opera di Nikolaj Rimskij-Korsakov (1897) tratta dal dramma di Aleksandr Puškin (pubblicato nella raccolta Piccole tragedie, 1830), con parti cantate del libretto originale, il film è un piccolo gioiello per gli amanti della lirica, ma anche un’occasione per immergersi nell’atmosfera dell’epoca in un contesto raffinato quale l’ambiente ricreato dalla mostra costumi.
    Inedito in Italia, il film fu presentato al V Gran Premio Bergamo (1962) nella sezione Le arti al cinema – Musica.

    Salieri, che ha dedicato alla musica tutta la sua vita e ha conseguito il successo con fatica e abnegazione, invidia il genio di Mozart, per il quale la creazione artistica è poco più che un gioco, un vezzo scherzoso. Accecato dalla gelosia nei confronti del rivale, Salieri decide di uccidere Mozart. La leggenda dell’avvelenamento di Mozart diventa qui un pretesto per meditare sulla natura della creatività artistica e introdurre, con dialoghi brillantemente scarni, il tema della ribellione a Dio. «E son genio e delitto due cose incompatibili».

    Iniziativa resa possibile grazie al generoso contributo della signora Lina Zucchelli Valsecchi
    Ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti

    ©THE BLANK 2017
    SOCIAL
                 
    APP
       
    [===== THE BLANK ARTDATE ===== SACRO / SAGRA == 26 27 28.05.2017 == SAVE THE DATE ====]