• Italiano
  • English
  • EN/IT
    L’artista del mese
    MAYA ZACK
    [= MAYA === ZACK ==]
    NEWSLETTER APRILE 2020
        [== LINK ==]

    Maya Zack
    Black and White Rule
    HD video, 17:45 min
    2011
    Courtesy l’artista e
    Galleria Marie-Laure Fleisch, Bruxelles

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON MAYA ZACK

    Il video Black and White Rule dell’artista Maya Zack è la seconda parte della sua Memory-Trilogy. Ha a che vedere con il tentativo dell’uomo di imporre ordine e forma alla realtà attraverso procedure di addestramento e disciplina.
    Su una scacchiera di grandi dimensioni due barboncini si sottomettono agli ordini del loro addestratore mentre, attraverso l’uso di una camera oscura, le loro azioni vengono monitorate e registrate da un’impiegata nel suo ufficio situato accanto alla scacchiera. Ad un certo punto la routine ordinaria viene interrotta…
    Black and White Rule è un’esperienza visiva e un omaggio all’arte del disegno.

    DAFNA MAIMON
    [=== DAFNA == MAIMON ===]

    Dafna Maimon
    Frame e dialogo da “Indigestibles: And Then There’s Today / Can Us Hear Us”
    Video in 4K e installazione immersiva
    2020
    Courtesy l’artista

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON DAFNA MAIMON

    Il protagonista sta guardando un report ininterrotto sulla morte dell’ultimo orangotango. È anche arrabbiata per essersi dovuta alzare due volte dal divano per rispondere al telefono, entrambe le volte a sua madre che chiamava per sbaglio. Il suo frigorifero è pieno di carni lavorate che divora tutto il giorno senza pausa, mentre il suo intestino invia rutti S.O.S. contenenti i seguenti messaggi urgenti:

    noi non ci capiamo? ci capiamo?
    possiamo sentirci?
    uh, noi.. diciamoci.. che, noi come noi..
    ciao? ciao. ciao?
    possiamo fermarci?

    MARCELLO MALOBERTI
    [=== MARCELLO == MALOBERTI ===]
    NEWSLETTER FEBBRAIO 2020
        [== LINK ==]

    Marcello Maloberti
    SE PERDO ME TROVO TE /
    IF I LOSE ME I FIND YOU
    Martellate, 2020
    courtesy l’artista e Galleria Raffaella Cortese, Milano

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON MARCELLO MALOBERTI

    IL MIO LAVORO NASCE DA UNO SPAVENTO

    CHRISTINE SUN KIM
    [= CHRISTINE == SUN ==== KIM =]
    NEWSLETTER GENNAIO 2020
        [== LINK ==]

    Christine Sun Kim
    Three variations of “See Zero”
    2018
    Carboncino e pastello ad olio su carta
    125×125 cm ciascuno
    Photo credit: 2019 White Space Beijing and Yang Wei

     

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON CHRISTINE SUN KIM

    Dal momento che la Lingua dei Segni Americana (ASL) non ha una componente scritta come la maggioranza delle altre lingue, usiamo le parole inglesi come prestiti (ciò che è generalmente noto come “inglese segnato”) per esprimere alcuni concetti visivi segnati come messaggi scritti via email o sui socia media.
    “Vedere Zero” potrebbe voler dire tre cose: “Non vedo niente”, “non riesco a vedere nulla”, e “non c’è niente da vedere”.

    ADELAIDE CIONI
    [== ADELAIDE == CIONI =]
    NEWSLETTER DICEMBRE 2019
        [== LINK ==]

    Adelaide Cioni
    Pink Punk Piece
    2018
    Stoffa, costumi per Pink Punk Performance
    Courtesy l’artista e P420, Bologna

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON ADELAIDE CIONI

    Per travestirmi da nuda
    ho dovuto vestirmi prima di tutto,
    domandarmi cos’è che copro quando mi infilo pantaloni e maglietta.
    Poi spogliarmi una volta,
    ripensare al rosa della pelle
    come a una cosa finta
    una convenzione, un luogo comune
    che può essere vero o falso, non importa.
    Mi sono chiesta cos’è davvero il rosa.
    Ho pensato prima di tutto è l’essere esposti.
    Forse sconci, sicuramente vulnerabili.
    Però che colore gioioso, che mare di benessere.
    Essere nella pelle. Allora forse è il sesso la vergogna.
    È il rosso è il nero. Quelli sì sono colori violenti.
    Lì si combatte davvero. Si soffre. Si è feroci.
    Subito dopo la timidezza.
    Siamo tutti nudi sotto i vestiti.
    A volte anche sopra.

    GIULIO ALVIGINI
    [= GIULIO === ALVIGINI ==]
    NEWSLETTER OTTOBRE 2019
        [== LINK ==]

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON GIULIO ALVIGINI

    Sembra quasi scontato – oggi – aspettarsi da me un meme, una battuta tagliente o una barzelletta: essere considerato un “buffone di corte” dal sistema dell’arte nostrano è sempre stata la mia più grande aspirazione.
    Non è la critica ad interessarmi – non saprei praticarla! –, è più che altro amore incondizionato per il fenomeno che osservo, la visualizzazione della bellezza collaterale del mercato, dei rituali e del gossip di questa cornice sociale.
    Se l’arte ha a che fare con le ossessioni, io ho fatto delle isterie e delle contraddizioni che caratterizzano il mondo dell’arte la mia ossessione.

    W IL SISTEMA DELL’ARTE (ITALIANO)!

    EVA & FRANCO MATTES
    [=== EVA ==== FRANCO == MATTES =]
    NEWSLETTER SETTEMBRE 2019
        [== LINK ==]

    Eva and Franco Mattes
    Personal Photographs, September 2009
    2019
    Cable tray, ethernet cables, digital images, Raspberry Pi single-board computers, micro SD cards, USB flash drives, custom software
    Dimensions variable
    Exhibition view, Team Gallery
    Photo credits: Jeff McLane

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON EVA E FRANCO MATTES

    #!/bin/sh

    echo “Beginning photo sync…”

    #if [ “$(hostname)”==”rpa.local” ]; then
    #echo “$(hostname -s)”
    if [ “$(hostname -s)” = “rpa” ]; then
    recipient_host=”rpb.local”
    #recipient_host=”10.0.0.49″ #rpb
    #recipient_host=”rpb”
    echo “Sending photos to “$recipient_host”…”
    else
    recipient_host=”rpa.local”
    #recipient_host=”10.0.0.1″ #rpa
    #recipient_host=”rpa”
    echo “Sending photos to “$recipient_host”…”
    fi

    usb_drive_name=”$(ls /media/pi/ | head -n 1)”
    #usb_drive_name_escaped=”(command printf ‘%q’ $usb_drive_name)”
    #usb_drive_name_escaped=${$usb_drive_name// /\ }
    #usb_drive_name_escaped=${usb_drive_name// /_}

    echo “Using USB drive:” $usb_drive_name

    sender_path=/media/pi/$usb_drive_name/sending

    recipient_path=/media/pi/$usb_drive_name/receiving

    echo “Sending files in:” $sender_path
    echo “Sending files to:” $recipient_host:$recipient_path

    rsync –progress -a –recursive –ignore-times $sender_path/. pi@$recipient_host:$recipient_path

    echo “Fin.”

    GENESIS BELANGER
    [=== GENESIS === BELANGER =]
    NEWSLETTER LUGLIO 2019
        [== LINK ==]

    Genesis Belanger
    coins for the ferryman
    2019
    Porcellana e grès
    Dimensioni variabili
    Courtesy l’artista e Francois Ghebaly Gallery,
    Los Angeles CA
    Photo credits: Pauline Shapiro

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON GENESIS BELANGER

    Sembra esistere un abisso per quanto poco comprendiamo ciò che motiva le nostre azioni. Originariamente, ero affascinata da questa inconsapevolezza e da come era – all’incirca – utilizzata come arma contro di noi dall’industria pubblicitaria. Più recentemente ho notato come questa disconnessione interiore ci colpisca in un contesto più intimo: nel modo in cui manifestiamo dolore per una perdita. La perdita è una parte inevitabile della vita, eppure siamo così ossessionati dal vivere che non abbiamo molto supporto culturale nell’affrontarla. Questo disincentiva una comprensione presente di come siamo influenzati dal nostro dolore. Piangiamo molte cose – in primis una morte –  ma la gravità di una perdita estrema non annulla il dolore delle perdite minori. Tutti piangiamo le assenze, grandi e piccole. È tempo di trasformare tutti questi sentimenti disordinati in consapevolezza.

    ALEJANDRA HERNÁNDEZ
    [= ALEJANDRA ===== HERN == NDEZ =]
    NEWSLETTER GIUGNO 2019
        [== LINK ==]

    Studio di Alejandra Hernández, Bogotà, 2019
    in secondo piano
    Alejandra Hernández, Andrea & Santiago, 2019

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON ALEJANDRA HERNÁNDEZ

    Ciò che intendo fare sono fondamentalmente ritratti del nostro tempo, di diversi modi di vivere, più che un dipinto finale lo vedo come un documento di persone che stanno camminando su questa terra e che a volte ho il piacere di incontrare e tradurre detto incontro in una tela. Più che un dipinto lo vedo come un costrutto sociale, in cui entrambe le parti sono in costante dialogo e tutti i nostri problemi possono essere ignorati per poche ore mentre condividiamo l’esperienza e concretamente lo trasformiamo in un dipinto.

    SANTIAGO REYES VILLAVECES
    [== SANTIAGO ==== REYES === VILLAVECES =]
    NEWSLETTER MAGGIO 2019
        [== LINK ==]

    Santiago Reyes Villaveces, Harp, 2019.
    Courtesy The artist, The Blank Contemporary Art, Fondazione Amleto Bertoni
    Installation view. Sacrestia ex-chiesa Sant’Ignazio, Saluzzo (CN), Italy

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON SANTIAGO REYES VILLAVECES

    Il progetto Harp consiste nella costruzione di una copia esplosa dell’arpa Tópaga (1680) che va a occupare lo spazio architettonico della Sacrestia della Chiesa di Sant’Ignazio.
    Il design dello strumento è deformato attraverso l’uso di una struttura ellittica con due ponti focali.
    Usando i cassetti aperti, le finestre e la struttura fisica della Sacrestia come scatole di risonanza, Harp diviene un’arpa poliarchica (dall’origine multipla), un flusso di frequenze storiche, architettoniche incarnate e decolonizzanti che mira a destabilizzare la storia d’origine consegnata al “nuovo mondo” dall’arpa gesuita.

    © THE BLANK 2020
    SOCIAL
                   
    APP
       
    NEWSLETTER MAGGIO 2019 | SANTIAGO REYES VILLAVECES