• Italiano
  • English
  • EN/IT
    ARTE, SEGNI, PERFORMANCE. RIFLESSIONI SULLA COMUNICAZIONE VISIVA
    ARTE, SEGNI, PERFORMANCE. RIFLESSIONI SULLA COMUNICAZIONE VISIVA
    [= ARTE === SEGNI ===== PERFORMANCE. === RIFLESSIONI === SULLA ==== COMUNICAZIONE === VISIVA ==]
    Il talk “Arte, segni, performance. Riflessioni sulla comunicazione visiva” si configura come un momento di confronto finalizzato a esplorare lo sviluppo delle pratiche performative nel panorama contemporaneo e il loro rapporto con la Lingua dei Segni. L’incontro introduce inoltre una riflessione sulla Lingua dei Segni e sul suo rapporto con le pratiche performative, teatrali e di Visual Vernacular, coinvolgendo alcuni dei principali professionisti nell’ambito della cultura accessibile. L’appuntamento è pensato come un dialogo a quattro voci tra Claudia Santeroni e Maria Marzia Minelli, curatrici impegnate in una ricerca sulla pratica della performance, Rita Mazza, direttrice artistica del Festival del Silenzio e performer segnante e Nicola Della Maggiora, artista di Visual Vernacular.

    Gli interventi dei relatori mirano ad approfondire alcune tematiche fondamentali della comunicazione visiva e del linguaggio performativo focalizzandosi sulla natura dell’elemento segnico e mettendo in luce le specificità linguistiche di una comunicazione di natura principalmente visuale.

    Evento realizzato con il patrocinio di ENS, con il supporto di Regione Lombardia, Comune di Bergamo, Pio Istituto dei Sordi, Fondazione ASM e in collaborazione con il CUT – Centro Universitario Teatrale di Bergamo.

    Garantiti il servizio di interpretariato LIS italiano, non è necessaria prenotazione, sarà sufficiente connettersi alle ore 17.
    L’evento si svolgerà in modalità on-line sui canali social di The Blank Contemporary Art tramite diretta Facebook e YouTube 
    @theblankcontemporaryart
    The Blank www.facebook.com/
    theblankcontemporaryart

    © THE BLANK 2024
    SOCIAL
                   
    APP
       
    ARTE, SEGNI, PERFORMANCE. RIFLESSIONI SULLA COMUNICAZIONE VISIVA