• Italiano
  • English
  • EN/IT
    DAVIDE MANCINI ZANCHI - MILLEDUECENTO
    DAVIDE MANCINI ZANCHI - MILLEDUECENTO
    [= DAVIDE ===== MANCINI == ZANCHI === MILLEDUECENTO ===]
    SPAZIO SAN PAOLO INVEST
    14.10.17 - 10.11.17

    Inaugurazione: 14.10.2017 – ore 18.00
    INGRESSO LIBERO

    lunedì al venerdì: 10 – 12 / 15 – 17.30
    In altri orari su appuntamento tel. 0363 48160

    Sanpaolo Invest
    Via Felice Cavallotti 31B, Treviglio
    info: +39 0363 48160



        [== LINK ==]

    Sabato 14 ottobre 2017 a Treviglio, presso lo spazio Sanpaolo Invest, verrà inaugurata la mostra personale di Davide Mancini Zanchi (Urbino, 1986), l’artista che nel 2016 si aggiudicò il “Premio Sanpaolo Invest” nell’ambito della quarta edizione del Premio d’arte “Città di Treviglio” e Concorso Giovani Talenti con l’opera Guardami le spalle || Guardami le spalle.
    La personale, a cura di Sara Fontana, comprende una selezione dei lavori recenti di Mancini Zanchi e un intervento site-specific realizzato nella grande sala dello spazio Sanpaolo Invest.

    Il titolo, Milleduecento, cela un riferimento che accomuna le opere in mostra: saranno esposte composizioni di dipinti che misurano trenta centimetri su un lato e quaranta sull’altro. A questo formato Mancini Zanchi è particolarmente legato fin dagli esordi, come testimoniano due opere importanti nella sua ricerca quali Senza titolo (pallonata su tela) e Senza titolo (quadro pulito), entrambe del 2012 e dal piccolo formato che intitola questa mostra. Già allora era chiara la sua volontà di apertura della dimensione del quadro, facendo di quest’ultimo un campo d’azione per interventi e linguaggi plurimi, che infine defluiscono nell’installazione. Altre opere registrano l’importanza di questo formato, quando il dipingere viene sostituito, celato o annichilito da un intervento postumo all’atto pittorico. Non ultimo il quadro sospeso nell’opera premiata a Treviglio lo scorso anno, nella quale uno spadone fluttuava nello spazio a protezione del dipinto appeso ad esso. Partendo da queste premesse, l’artista marchigiano andrà ad occupare l’ambiente con una grande installazione composta da alcuni dipinti che vagheranno nello spazio.

    Una pubblicazione monografica, congiunta con Saba Masoumian che contestualmente inaugura una personale al Centro Civico Culturale di Treviglio, documenta i lavori in mostra e l’iter progettuale di Davide Mancini Zanchi.

    Davide Mancini Zanchi (Urbino, 1986). Diplomato nel 2012 all’Accademia di Urbino, dal 2011 ha tenuto personali e collettive in numerosi spazi privati e musei pubblici. Le mostre personali recenti hanno avuto luogo nel marzo 2017 presso la Galleria Nazionale delle Marche e nel 2016 presso il Museo Fattori di Livorno. Tra le mostre collettive: Versus presso Galleria Civica di Modena e Memorie a Villa Manin, ambedue a cura di Andrea Bruciati; Ciy, a cura di Claudia Buizza e Pietro Della Giustina, presso Ville Belville di Parigi; la mostra di fine residenza Dena Foundation dal titolo Primavera 3, a cura di Valentine Mayer e Jane Koh (Frederic Lacroix Gallery, Parigi). È stato insignito del “Premio Sanpaolo Invest” nell’ambito della quarta edizione del Premio d’arte “Città di Treviglio” e Concorso Giovani Talenti 2016, del “Premio Lissone 2014” del MAC di Lissone, a cura di Alberto Zanchetta e del “Premio Pescheria” del Centro Arti visive Pescheria di Pesaro nel 2011.

    ©THE BLANK 2017
    SOCIAL
                 
    APP
       
    DAVIDE MANCINI ZANCHI - MILLEDUECENTO